PENSANDO A GAZA CHE MUORE:
Aharon Shabtai, A un pilota